In un’epoca in cui i portatili avevano un peso ed un ingombro importante, l’idea di far uscire un peso piuma fu assolutamente un azzardo.

Un azzardo vinto su tutti i fronti. Nel 2008 infatti Steve Jobs presentò il MacBook Air. Un prodotto non subito capito da tutti ma subito apprezzato. L’idea era quella di avere una terza via tra il portatile per tutti e il prodotto per i professionisti. Con il tempo e con il progresso (grazie anche alla miniaturizzazione dei vari processi tecnologici) l’Air è riuscito non solo a mantenere la sua natura, ma è riuscito nell’impresa di imporsi come portatile standard per tutti. Con il passaggio al chip M1 poi è diventato a tutti gli effetti un prosumer. Che sia giunto il momento di mandare in pensione la dicitura “Air”? Alla fine non ha più bisogno di confrontarsi con qualcosa di “classico”. Esiste solo lui. Pensate a quanto sarebbe semplice il mondo. Un MacBook e un MacBook Pro.

 

Comments are closed