Questo 2021 sta giungendo ormai al termine.

Vero, manca ancora all’appello l’HomePod Mini (almeno in Italia) ma di certo non sarà una rivoluzione. Quest’anno è stato importantissimo. Non certo rivoluzionario come il 2020, ma di sicuro importante.

La transizione di Apple Silicon è proseguita spedita, con dei nuovi iPad Pro ( che speriamo di capirne il senso nel prossimo futuro, visto che attualmente hanno la stessa valenza di un Air 2 del 2014), con un nuovo iMac che ha rappresentato una vera e propria rinascita, ma soprattuto con i nuovi MacBook Pro. Se n’è andato il concetto di portatile “semplicemente” più potente in favore di vere Workstation portatili. Le due varianti potenziate dell’M1 infatti, M1 Pro e Max, rappresentano un vero e proprio miracolo in termini di prestazioni e consumo. E se è vero che sul lato iPhone e Apple Watch abbiamo vissuto un 2020s (si, erano giorni che volevo scriverlo), purtroppo lo abbiamo vissuto anche dal lato software. Ogni OS rilasciato da Apple in quest’anno (da macOS in giù) non ha portato niente di realmente diverso. Tutto ottimo per carità, dal riconoscimento del testo ai widget, da Focus alle conferenze multiple di FaceTime, ma di fatto non è cambiato nulla. il 2022 dovrebbe essere l’anno del completamento della transizione ai Soc Apple (mancano all’appello un iMac “Pro”, un Mac mini “Pro” e un vero e proprio Mac Pro) ma soprattuto di nuovi software. Apple Watch DEVE smarcarsi totalmente da iPhone, Apple TV DEVE decidere se continuare a vivere o lasciarsi andare alla storia, iPhone deve evolvere REALMENTE (qualcuno ha parlato di SplitView?) e soprattuto iPad DEVE campire cosa vuol fare da grande. Mancano praticamente sei settimane al 2022. Mancano praticamente sei settimane all’anno del cambiamento. Se solo fosse vero.

Comments are closed